MISURA DI FINANZIAMENTO INTERVENTO 4.2 – SERVIZI AL TURISMO RURALE
DESCRIZIONE INTERVENTO Con il presente intervento verranno sostenuti gli investimenti per migliorare la qualità della ricettività in un contesto di paesaggio urbano e rurale riqualificato, con attività e servizi di carattere innovativo, e per consentire a tutti i soggetti interessati dalla strategia di massimizzare i risultati in termini commerciali ed economici.
BENEFICIARI INTERVENTO Micro imprese regolarmente iscritte presso il Registro delle Imprese così come definite dall’Allegato 1 del Reg. (UE) n. 702/2014 (meno di 10 dipendenti e meno di 2 mln. di euro di fatt.) e aventi sede in uno dei comuni di riferimento del Gal Capo di Leuca, che svolgono o intendono svolgere una delle attività

 comprese nell’elenco dei Codici ATECO ammissibili di cui all’Allegato A.

DATE DI SCADENZA Prima scadenza periodica: 25 settembre 2019.

 

Trattasi di bando Stop & Go: a cadenza trimestrale il Gal Capo di Leuca provvederà ad effettuare

l’istruttoria e conseguente graduatoria di ammissibilità di tutte le domande di Sostegno pervenute entro i termini previsti. Al termine dei 90 giorni previsti per la fase di istruttoria, in caso di risorse finanziarie ancora disponibili, verrà riaperto il bando.

AMBITO TERRITORIALE Comuni di: Alessano, Alliste, Casarano, Castrignano del Capo, Corsano, Gagliano del Capo, Matino, Melissano, Miggiano, Montesano Salentino, Morciano di Leuca, Patù, Presicce -Acquarica del Capo, Racale, Ruffano, Salve, Specchia, Taurisano, Taviano, Tiggiano, Tricase e Ugento
IMPORTI AMMISSIBILI E ALIQUITE DI SOSTEGNO Può essere richiesto un importo massimo di spesa pari € 70.000,00 .

Il contributo a fondo perduto erogato dalla Regione Puglia ammonta al 50% della spesa totale ammessa a finanziamento.

SETTORI DI ATTIVITA’ AMMISSIBILI I settori di attività previsti dal bando riguardano principalmente la realizzazione di investimenti nei seguenti ambiti:

 

–    agenzia di servizi al turismo/punti di accoglienza turistica;

–    potenziamento del comparto outdoor come, a titolo esemplificativo, interventi atti a creare o implementare servizi/circuiti riguardanti lo sport, in particolare cicloturismo, turismo equestre, trekking, aree giochi, spazi per il tiro con l’arco, punti di rifornimento e di assistenza;

–    realizzazione di servizi direttamente connessi al turismo per famiglie, scuole e gruppi organizzati;

–    realizzazione e potenziamento dei servizi che favoriscano l’avvicinamento del turista ai prodotti tipici del territorio (laboratori di degustazione legati all’utilizzo dei prodotti tipici locali, circuiti enogastronomici,);

–    servizi turistico-culturali e servizi connessi al turismo rurale relativi alla realizzazione di esperienze legate alle pratiche agricole tradizionali;

–    servizi per il benessere, fitness, percorsi vita, percorsi sensoriali;

–    punti di osservazione del paesaggio e della fauna;

–    servizi per il benessere degli animali, per i quali saranno previsti luoghi destinati alla cura e all’addestramento.

TIPOLOGIA DI SPESE AMMISSIBILI Sono finanziabili le seguenti voci di spesa:

–      ammodernamento ed adeguamento funzionale edifici/locali pre-esistenti, ivi compresi modesti ampliamenti limitati a vani tecnici e servizi nella misura massima indicata dagli strumenti urbanistici vigenti, destinati allo svolgimento delle attività ivi compresa la sistemazione di spazi esterni di pertinenza degli edifici.

–      acquisto attrezzature, strumenti, arredi ed impianti destinati allo svolgimento delle attività oggetto del finanziamento;

–      acquisto di piccoli mezzi di locomozione ecosostenibili, per favorire la fruibilità del territorio via terra e via mare, equipaggiati con attrezzature per la fruibilità del territorio, con motore elettrico o con motore a combustione a basso inquinamento, van e minibus da 9 a 15 posti, carretti a pedali o elettrici, scooter, biciclette, piccole imbarcazioni e natanti da diporto;

–      acquisto di hardware, software e sviluppo di programmi informatici e costi per la realizzazione e l’aggiornamento di siti internet, con l’esclusione di costi di gestione, inerenti o necessari lo svolgimento delle attività oggetto di finanziamento;

–      spese generali, compresi onorari di consulenti e professionisti, nel limite massimo del 12% degli investimenti sopra indicati ad esclusione degli “investimenti immateriali”, ai sensi dall’art. 45 par. 2 lett. C) del Reg. UE n. 1305/2013.

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscrivendoti alla nostra newsletter dichiari di voler essere informato sulle tematiche di finanza agevolata in merito all’agricoltura e all’agroindustria, a tutti i nuovi bandi pubblicati e a come inoltrare le domande d’iscrizone.

    Iscrivendoti dichiari di aver letto la Privacy Policy.