L’operazione ha l’obiettivo di favorire la diffusione delle tecniche di non lavorazione del suolo nelle aziende destianate alla coltivazione dei semnativi. Le zone interessate sono oltre all’Appennino Dauno, la Murgia, parte del Salento, il Gargano e la Fossa Bradanica.