ISMEA – IMPRENDITORIA GIOVANILE IN AGRICOLTURA
DI COSA SI TRATTA
L’obiettivo della misura è quello di favorire il ricambio generazionale in agricoltura e di sostenere la crescita delle aziende agricole esistenti condotte da giovani imprenditori.
CHI PUÒ PARTECIPARE
Possono partecipare al bando i giovani fino a 40 anni che intendono subentrare nella conduzione di un’azienda agricola oppure che intendono ampliare la propria azienda agricola già esistente.

In particolare:

–          SUBENTRO: si intende la cessione di un’intera azienda agricola in favore di giovani che intendono insediarsi in agricoltura.

o   il giovane richiedente deve insediarsi per la prima volta in agricoltura oppure essersi già insediato da meno di sei mesi dalla data di presentazione della domanda;

o   esercitare esclusivamente l’attività agricola;

o   l’azienda subentrante dev’essere amministrata e condotta da un giovane imprenditore agricolo professionale o coltivatore diretto con età compresa tra 18 e 40 anni o nel caso di società da almeno la metà dei soci con i precedenti requisiti;

o   avere sede operativa nel territorio nazionale.

N.B.: L’impresa cedente deve esercitare esclusivamente l’attività agricola; essere iscritta alla Camera di Commercio ed avere il legittimo possesso dell’azienda da più di due anni.

–          AMPLIAMENTO: si intende un intervento di miglioramento, ammodernamento o consolidamento di aziende agricole già esistenti condotte da giovani fino a 40 anni. L’impresa deve:

o   esercitare esclusivamente l’attività agricola;

o   essere amministrata e condotta da un giovane imprenditore agricolo professionale o coltivatore diretto con età compresa tra 18 e 40 anni o nel caso di società da almeno la metà dei soci con i precedenti requisiti;

o   avere sede operativa nel territorio nazionale.

N.B.: L’impresa oggetto di ampliamento dev’essere attiva da almeno 2 anni dalla data di presentazione della domanda.

COSA VIENE FINANZIATO E IN CHE MISURA
Il progetto non deve superare 1.500.000 euro e sono ammissibili le seguenti spese:

a)       studio di fattibilità comprensivo di analisi di mercato (2%);

b)      opere agronomiche e di miglioramento fondiario (40%);

c)       opere edilizie per la costruzione o il miglioramento di beni immobili (40%);

d)      oneri per il rilascio della concessione edilizia (40%);

e)       allacciamenti, impianti, macchinari e attrezzature;

f)       servizi di progettazione (10%);

g)      acquisto terreni (10%).

La somma delle spese delle lettere b), c) e d) non deve superare il 40% della spesa ammissibile. La somma della lettera a) e f) non deve superare il 12%.

 

QUALI BENEFICI
o   Contributo a fondo perduto pari al 35% degli investimenti;

o   Finanziamento a tasso 0 della durata max 15 anni, pari al 60% degli investimenti.

QUANDO BISOGNA PRESENTARE LA DOMANDA
A sportello, dal 30 aprile 2021.
COME PRESENTARE LA DOMANDA
In via telematica, dopo uno studio di fattibilità effettuato dalla FINAGRI.
Se interessati inviateci una richiesta di contatto ai seguenti recapiti:

1)      via mail all’indirizzo bandi@studiofinagri.it

2)      via WhatsApp al numero 371/4784577

3)      telefonicamente al numero 080/3925183

Sarete al più presto ricontattati dai nostri esperti che saranno lieti di indicarvi il miglior strumento finanziario per la vostra idea imprenditoriale.

 

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscrivendoti alla nostra newsletter dichiari di voler essere informato sulle tematiche di finanza agevolata in merito all’agricoltura e all’agroindustria, a tutti i nuovi bandi pubblicati e a come inoltrare le domande d’iscrizone.

    Iscrivendoti dichiari di aver letto la Privacy Policy.